Assistenza gratuita per interventi chirurgici. Pagamenti effettuati direttamente in ospedale.
Chirurgia estetica

Osteotomie mandibolari

Louise D.

La maggior parte degli interventi di affermazione del sesso del viso viene eseguita su individui in fase di transizione da maschio a femmina. Il motivo è semplicemente che la terapia con testosterone di solito porta a uno sviluppo soddisfacente delle caratteristiche sessuali secondarie che evitano la chirurgia facciale.

Per la mascolinizzazione, il trasferimento di grasso e gli impianti si concentrano sulla parte inferiore del viso, mentre la femminilizzazione è più spesso diretta alla parte superiore del viso. La femminilizzazione si concentra sull'attaccatura dei capelli, sull'arcata sopraccigliare e sulla sporgenza dell'osso frontale. Altri interventi chirurgici per la femminilizzazione potrebbero includere procedure come rinoplastica, chirurgia agli occhi, labbro superiore, rasatura tracheale, depilazione, chirurgia del mento e riduzione dell'angolo della mandibola.

La maggior parte di questi interventi viene eseguita in anestesia generale, il che significa che il paziente sarà completamente addormentato. La chirurgia della mascella è considerata generalmente sicura e viene eseguita quando l'ortodonzia da sola non risolve i problemi riscontrati dai pazienti. Quando la gengiva all'interno della bocca viene tagliata, vengono solitamente utilizzati punti solubili. Piccole incisioni all'interno della bocca sono più comuni per ridurre al minimo le cicatrici visibili e la maggior parte dei pazienti avverte solo un dolore moderato a seguito di un'osteotomia mandibolare.

Raccomandazioni WPATH per la chirurgia facciale

Non ci sono raccomandazioni ufficiali stabilite da WPATH in merito alla chirurgia facciale ai fini dell'affermazione di genere. Tuttavia, la maggior parte dei chirurghi richiederà un periodo minimo per la terapia ormonale e una valutazione della salute mentale. Ci sono ragioni molto importanti per questi requisiti per i chirurghi e di solito sono impiegati per migliorare i risultati finali dell'intervento chirurgico e per garantire che il paziente possa far fronte alle implicazioni dell'intervento chirurgico che cambieranno l'aspetto del viso.

Tutti i pazienti transgender, ma più specificamente le donne transgender, dovrebbero aspettarsi di rimanere in terapia ormonale sostitutiva per almeno 12 mesi prima di tentare l'intervento chirurgico. Poiché la terapia ormonale apporterà cambiamenti significativi allo spessore della pelle e alla crescita dei capelli. Le valutazioni sulla salute mentale riducono il rischio di depressione e disturbi da stress dopo un intervento chirurgico al viso.

Controindicazioni alla Chirurgia Facciale

Non ci sono controindicazioni specifiche uniche per gli individui transgender, quindi qualsiasi controindicazione sarà la stessa per chiunque si sottoponga a chirurgia facciale. Si tratta di malattie cardiache e polmonari, disturbi emorragici, storia di complicanze legate agli anestetici, storia di scarsa guarigione delle ferite, malnutrizione o altre comorbidità note che possono influenzare negativamente l'esito per il paziente.

I pazienti transgender dovrebbero essere trattati come qualsiasi altro paziente, il che include una preoccupazione per la salute psicologica del paziente, in particolare con la chirurgia facciale. La depressione e l'ansia a seguito di un tale intervento chirurgico sono normali, quindi una storia di tali problemi è motivo di preoccupazione in quanto può provocare reazioni più gravi rispetto a qualcuno senza tale storia. Ai pazienti potrebbe essere richiesto di sottoporsi a una consulenza in preparazione per la chirurgia facciale.

Ci sono alcune considerazioni generali che i chirurghi fanno prima di tentare un intervento chirurgico alla mascella. È essenziale che i tuoi denti si adattino dopo l'intervento chirurgico. Le dimensioni mascellari e mandibolari variano da paziente a paziente, ma generalmente tutti hanno la stessa quantità di denti. Ciò significa che alcune persone hanno più spazio per i denti rispetto ad altre. Un'osteotomia mandibolare comporterà quasi sempre la rimozione di alcuni denti ed è essenziale che un chirurgo possa adattare i denti alle nuove mascelle.

Anche il tipo di intervento di cui hai bisogno avrà un ruolo, non solo nel tuo recupero ma anche nel tuo piano chirurgico. Per accedere al campo chirurgico, il chirurgo ha bisogno di aprire la bocca molto largamente in modo controllato in modo da non causare danni irreparabili ai legamenti e ai muscoli della parte posteriore della bocca. Le procedure di arretramento mandibolare sono diverse dalle procedure di avanzamento mandibolare, che sono diverse dall'avanzamento mascellare. Alcuni influenzeranno la mascella inferiore e i denti inferiori; altri influenzeranno la mascella superiore e i denti superiori. Indipendentemente dall'intervento chirurgico alla mascella di cui hai bisogno, è essenziale discutere il piano chirurgico e le possibili battute d'arresto con il tuo chirurgo ben prima della procedura.

Il ruolo della terapia ormonale sostitutiva

Prima di tentare qualsiasi intervento chirurgico invasivo, si consiglia ai pazienti di dedicare almeno un anno intero al trattamento. Questo è così che tutte le possibili modifiche dalla terapia ormonale sostitutiva siano complete prima che ulteriori modifiche vengano apportate chirurgicamente. In questo modo, il risultato finale è quello che si vede dopo l'intervento chirurgico e ulteriori modifiche dovute alla terapia ormonale sostitutiva non interferiranno con il prodotto finale.

Inoltre, non è raro che un chirurgo richieda agli individui transgender di interrompere la terapia ormonale per due settimane prima dell'intervento chirurgico. Questo serve a ridurre il rischio di complicanze associate alla terapia ormonale sostitutiva come il tromboembolismo. Questo sarà ancora più evidente se il paziente è anche un noto fumatore. I problemi di guarigione delle ferite sono comuni tra i fumatori, specialmente quando sono anche in terapia con estrogeni.

Come puoi immaginare, qualsiasi problema di guarigione della ferita sopra o vicino al viso può portare a cicatrici antiestetiche, che è sicuramente qualcosa che il tuo chirurgo cercherà di evitare attivamente.

Preparazione per la chirurgia

La fase di preparazione della chirurgia facciale comporta un bel po' di gestione delle aspettative. Il chirurgo impiegherà molto tempo a valutare gli obiettivi del paziente e a stabilire se l'anatomia esistente supporterà i cambiamenti desiderati dal paziente. Il chirurgo deve gestire le aspettative del paziente solo in modo che tu non entri in un intervento chirurgico senza comprendere appieno a cosa ti stai iscrivendo e che tipo di risultati finali puoi aspettarti.

Prima di qualsiasi intervento chirurgico di questo tipo, c'è un bel po' di tempo dedicato alla raccolta della storia del paziente, sia medica che psichiatrica. Viene prestata un'attenzione specifica alle aree che di solito sono problematiche, come la sensibilità all'anestesia o una storia di difficoltà di coagulazione. In caso di problemi di coagulazione e terapia ormonale sostitutiva, alcuni pazienti devono anche viaggiare, e questo può aumentare ulteriormente i rischi di tromboembolismo. Questo è un altro motivo per cui i chirurghi richiedono una pausa di due settimane dalla terapia ormonale sostitutiva.

Tieni presente, tuttavia, che è improbabile che questa pausa abbia effetti duraturi sul tuo programma di terapia ormonale sostitutiva e sarai in grado di tornare al tuo normale programma di terapia ormonale sostitutiva non appena il chirurgo sarà soddisfatto dei tuoi progressi di guarigione.

Osteotomia mandibolare

L'osteotomia mandibolare è in realtà un termine generico per qualsiasi procedura che comporti la rimozione di pezzi dell'osso mascellare.

Riduzione dell'angolo mandibolare

Il tipo di chirurgia dell'osteotomia mandibolare più comune per gli individui transgender è la riduzione dell'angolo mandibolare. È comunemente usato per femminilizzare il viso. Prima di tentare un intervento chirurgico, alcuni chirurghi potrebbero suggerire trattamenti di botox; in rari casi, ciò provoca un cambiamento sufficiente per un risultato soddisfacente senza intervento chirurgico. Se un paziente desidera ancora procedere con l'intervento chirurgico, verrà discusso con il paziente un piano di trattamento chirurgico.

Questo tipo di chirurgia facciale è difficile e altamente tecnica da eseguire. Richiede simmetria e ha diversi vincoli di accesso. La maggior parte dei tagli viene eseguita all'interno della bocca per evitare cicatrici sulla pelle. Tagliare la pelle del viso o del collo comporta anche un alto rischio di danni ai nervi.

Detto questo, l'approccio intraorale tradizionale ha gravi limiti di visualizzazione per il chirurgo, il che rende più difficile il raggiungimento della simmetria. Se il chirurgo sceglie un approccio extraorale (al di fuori della bocca, di solito attraverso il collo), di solito viene eseguito tramite un'incisione Blair e quindi comporterà anche un intervento chirurgico al collo o al lifting. Il muscolo massetere deve essere esposto attraverso un'incisione al sistema muscoloaponeurotico.

Questa parte viene eseguita con estrema cura perché, in alcune persone, il nervo facciale si sovrappone all'area incisa. Ci sono anche importanti arterie che attraversano il bordo inferiore e anteriore della mandibola. Uno stimolatore nervoso può essere utilizzato come misura per prevenire lesioni iatrogene.

Una volta che il massetere è esposto, può essere isolato in modo da poter utilizzare un seghetto alternativo per eseguire l'osteotomia. Il muscolo pterigoideo viene quindi sollevato dall'osso in modo che il frammento osseo possa essere rimosso.

L'approccio intraorale è molto migliore e la maggior parte dei chirurghi lo preferirà. Le incisioni vengono praticate in bocca, il che comporta l'apertura ampia della bocca. Ciò significa che puoi anche aspettarti un po 'di dolore più indietro nell'area dell'articolazione della mascella. È necessario prestare attenzione per preservare una quantità sufficiente di tessuto gengivale (gengivale) per chiudersi al termine della procedura. I tendini e i muscoli più piccoli vengono spostati ed elevati per esporre l'osso e consentire la rimozione dell'osso. A volte viene utilizzato un endoscopio per una migliore visualizzazione.

Durante l'esecuzione dell'osteotomia vera e propria, il chirurgo deve prestare attenzione per evitare di danneggiare il nervo alveolare inferiore. Molti di questi nervi sono identificati su una TAC eseguita prima dell'intervento chirurgico.

Osteotomia bilaterale sagittale divisa

Questa è una delle forme più antiche e fondamentali di chirurgia mascellare per affrontare le anomalie dentofacciali. Sebbene sia in circolazione dal 1800, è diventato popolare solo dopo che sono state apportate modifiche negli anni '60 e '70. La procedura è stata resa più sicura e ha assicurato meno ricadute. È usato per affrontare diversi tipi di malocclusioni.

Sebbene questo intervento chirurgico alla mascella comporti una divisione sagittale bilaterale, non è un intervento chirurgico ortognatico bimascellare poiché coinvolge la mandibola, non la mascella superiore.

Osteotomia mascellare segmentale anteriore

Questa procedura viene utilizzata per correggere cose come un morso aperto frontale. Implica il riposizionamento della premascella e viene eseguita solo se l'ortodonzia da sola non ha ottenuto i risultati desiderati.

Sul lato buccale della mascella viene praticata un'incisione mucosa. Si presta attenzione per garantire che questa incisione venga praticata sopra le radici degli incisivi. L'incisione è estesa bilateralmente ai lati più lontani del premolare. Più comunemente, per fare ciò vengono utilizzati una piccola sega e uno scalpello a causa della preoccupazione di danneggiare le radici dei denti.

In molti casi, il primo premolare verrà rimosso prima dell'intervento chirurgico. Una frattura a bastone verde viene realizzata incidendo trasversalmente lungo il palato dopo un'osteotomia a forma di cuneo. L'obiettivo è l'accesso diretto alle pareti mascellari laterali anteriori, al pavimento nasale, all'apertura piriforme e al setto.

Da questo intervento possono derivare complicazioni, tra cui fistole, perdita di vitalità dei denti, altri danni ai denti, danni al seno mascellare, deviazione del setto o estetica naso-labiale indesiderata. La complicanza più comune riguarda la retrazione della gengiva nelle prime fasi di guarigione.

Osteotomia segmentaria mascellare posteriore

Questo intervento comporta molte difficoltà tecniche. Viene praticato un taglio nella sezione vestibolare vestibolare sopra la radice degli apici sulla mascella posteriore. Questo intervento viene solitamente utilizzato per un morso aperto posteriore bilaterale o unilaterale.

Un taglio viene eseguito orizzontalmente dal secondo molare al canino nel vestibolo buccale. La maggior parte dei chirurghi preferisce rimuovere il molare alcuni mesi prima dell'intervento. Se è necessaria l'estrazione, è possibile eseguire un'osteotomia verticale interdentale o un'osteotomia verticale posteriore attraverso i siti di estrazione senza spostare il palato. Il complesso dentoalveolare viene quindi separato e spostato nella nuova posizione. Un'incisione palatale parasagittale viene eseguita senza l'incisione interdentale dopo l'incisione vestibolare vestibolare.

Poiché questo metodo è così complesso, è usato raramente per un deficit mascellare posteriore. Questa procedura è indicata per l'iperplasia mascellare o la sostituzione distale del frammento alveolare mascellare posteriore in modo che vi sia spazio sufficiente per la corretta crescita di un morso aperto posteriore bicuspide o canino incluso, morso a forbice e correzione anteriore di un morso aperto a causa di un'occlusione bilaterale delle parti sul retro.

Le complicanze di solito includono recidiva, perdita di vitalità dei denti, difetti parodontali o necrosi dei segmenti.

Osteotomia a ferro di cavallo

Questo intervento chirurgico è più spesso utilizzato per affrontare l'ipoplasia mediofacciale. In questo specifico intervento chirurgico il palato duro non viene tagliato e rimane nella sua posizione originaria. Taglia la mascella in tre pezzi senza disturbare la posizione nasale centrale.

Ciò che rende questo particolarmente difficile è che i contatti ossei devono essere allineati in più punti. È raro vedere questa procedura specifica eseguita oggi poiché ci sono nuove forme di chirurgia ortognatica che sono più efficaci.

Osteotomia del ramo verticale

Questa è una delle poche osteotomie che a volte vengono eseguite extraorale.

In caso di eccesso mandibolare viene eseguita un'osteotomia nel ramo della mandibola. Viene spesso utilizzato per la correzione dell'asimmetria della mandibola. Viene praticata un'incisione sottomandibolare per esporre l'aspetto laterale del ramo.

Genioplastica

Genioplastica è la parola medica per chirurgia del mento ed è una parte importante dell'osteotomia mandibolare in quanto ha un effetto drammatico sull'aspetto generale del viso.

Ci sono tre dimensioni che la riduzione o l'aumento può essere eseguita da: Sagittale, Trasversalmente e Verticalmente. Sebbene l'intervento chirurgico possa essere eseguito in isolamento, è spesso combinato con altre osteotomie mandibolari o mascellari.

Viene praticata un'incisione transorale nella mucosa da un canino all'altro. Abbastanza gengiva dovrebbe essere lasciata per supportare la sutura. Il chirurgo quindi espone i muscoli mentali e li seziona per arrivare all'osso. Il periostio viene quindi tagliato. Il bordo anteriore inferiore deve essere lasciato da solo in modo che la circolazione sanguigna rimanga intatta. Tuttavia, l'attacco periostale viene rilasciato. La linea mediana tra il forame mentale bilaterale è il punto di riferimento.

La resezione inizia sotto le radici e differirà a seconda del tipo di deviazione e del grado di deviazione. Se necessario, l'angolazione può essere modificata posteriormente. Cambia le dimensioni verticali della mandibola anteriore. È importante che l'osteotomia termini 7-8 mm sotto il forame mentale, in questo modo non danneggerai i nervi mentali. Il nervo mentale si trova a circa 5 mm sotto il forame mentale. L'osso può essere aggiunto o rimosso a questo spazio, se necessario.

La segmentazione dell'area della sinfisi altererà la dimensione trasversale del mento. Se questo fa parte del piano chirurgico, le osteotomie verticali parallele vengono eseguite lateralmente sulla linea mediana. La sutura della ferita deve avvenire in due strati. Prima di chiudere, il chirurgo deve assicurarsi che i muscoli mentali siano al posto giusto.

Osteotomia dell'ala del mento

Questo tipo di chirurgia del mento è stato utilizzato per affrontare problemi estetici sulla parte inferiore del viso. Può interessare l'intera base della mandibola o la parte anteriore della base.

L'incisione è sempre intraorale e interessa tutto il margine della mascella inferiore dal ramo mandibolare al lato opposto sotto l'arcata dentale. Il mucoperiostio viene sollevato per adattarsi alla corteccia. Il chirurgo deve garantire un nuovo flusso sanguigno alla mandibola. La posizione del fascio nervoso vicino al forame mentale deve essere identificata prima dell'intervento e deve essere maneggiata con estrema cura.

Poiché l'osteotomia viene eseguita dalla corteccia buccale, il nervo mandibolare inferiore non deve essere posizionato buccale. L'angolazione è quindi inclinata dalla posizione superiore alla posizione inferiore al di sotto di questo canale nervoso. Questo è seguito da un taglio mandibolare bicorticale orizzontale. La mandibola anteriore può essere tagliata in uno o due pezzi. La mobilitazione deve essere eseguita con estrema cura in modo che la mandibola non si frattura.

Sarebbe molto pericoloso per l'osso rompersi vicino al forame mentale. È possibile modificare la base della mandibola con questo metodo e regolare la prominenza del mento in modo sagittale e trasversale senza apportare modifiche alla mandibola che porta i denti. Puoi farlo anche senza influenzare l'articolazione temporo-mandibolare.

Osteotomia del corpo laterale della mandibola

Questa procedura è popolare per alcuni casi di prognatismo mandibolare. È particolarmente indicato quando il primo o il secondo premolare saranno estratti o già mancanti. Quando si utilizza questo metodo, viene eliminata la necessità di una riparazione protesica. È anche il metodo preferito per correggere l'asimmetria dell'arcata dentale mandibolare, l'overjet negativo causato da un'eccessiva crescita della mandibola nella regione dentoalveolare anteriore o un morso aperto anteriore.

Questo metodo consente il riposizionamento della parte anteriore della mandibola in qualsiasi direzione. È adatto per un'osteotomia alveolare, a blocchi o segmentale.

I primi premolari vengono rimossi e quindi viene praticata un'incisione circumvestibolare transorale. Il bordo anteriore inferiore deve essere lasciato da solo per preservare il contorno dei tessuti molli e la circolazione sanguigna non viene disturbata, ma l'attacco periostale viene rilasciato. Distalmente a un secondo premolare, viene praticata un'incisione. Per garantire un accesso sufficiente, il lembo viene esteso dietro il secondo premolare. È importante non strappare troppi tessuti molli. Ciò esporrà una quantità sufficiente dell'area subapicale per la rimozione dell'osso. Vengono eseguiti due tagli verticali in cui sono stati estratti i primi premolari per collegare il subapicale posizionato orizzontalmente a 5 mm sopra le radici del dente. Questo taglio orizzontale termina a circa 2-3 mm dal forame mentale. Il fascio neurovascolare alveolare inferiore deve essere evitato con un'incisione verticale con osteotomia a gradino anteriore.

Idealmente, i premolari e l'osso vengono rimossi. Mentre i siti di estrazione sono chiusi, il segmento anteriore viene riposizionato posteriormente, a seguito di frattura e separazione verso il basso. Se l'estrazione non fa parte del piano chirurgico, la parte anteriore può essere semplicemente spostata verso l'alto, in modo che il morso aperto anteriore venga chiuso. Un innesto osseo viene inserito nello spazio vuoto. Per evitare problemi parodontali, è necessario mantenere l'eccesso di osso interdentale.

Osteotomia subapicale anteriore

Ci sono alcune indicazioni per questo tipo di chirurgia:

  • C'è un overjet negativo nel processo dentoalveolare anteriore della mandibola.
  • C'è una curva negativa di Spee
  • C'è asimmetria nell'arcata dentale mandibolare: la posizione del mento dovrebbe essere soddisfacente

Questo tipo di intervento chirurgico può essere utilizzato per spostare la sezione anteriore della mascella in qualsiasi direzione.

Osteotomia subapicale posteriore

Questa chirurgia ortognatica può essere utilizzata per correggere il movimento dei denti posteriori oltre i loro piani normali o la rigidità della mascella.

Viene praticata un'incisione all'interno della bocca al bordo anteriore del ramo verticale fino all'area canina. Questa incisione segue i margini dei denti. Collegate orizzontalmente sono due incisioni oblique verticali. Mentre l'attacco periostale viene rilasciato, il bordo inferiore viene lasciato da solo in modo che il contorno dei tessuti molli non cambi. Il fascio neurovascolare deve essere identificato e protetto.

Osteotomie del ramo L e C invertito

Queste procedure sono indicate per carenze mandibolari orizzontali e possono essere eseguite extraoralmente se necessario. Il taglio è molto simile all'osteotomia del ramo verticale bilaterale. Si inizia 2 cm sotto il bordo inferiore della mandibola e si taglia 6 cm. La dissezione attraverso strati di tessuti molli viene eseguita con attenzione per esporre l'intero ramo.

Un'osteotomia verticale viene eseguita dietro il forame mascellare inferiore per ridurre il rischio di danni ai nervi. Inizia dove inizia la mascella inferiore ed è collegata orizzontalmente sopra il forame della mascella inferiore appena sotto la tacca sigmoidea.

Per la chirurgia della battuta d'arresto mandibolare, il segmento prossimale viene posizionato lateralmente. Il fissaggio rigido può essere utilizzato per mantenerlo in posizione con piccole piastre. Se necessario, è possibile eseguire un innesto osseo.

Cosa posso aspettarmi dopo l'intervento chirurgico?

I primi giorni dopo l'intervento chirurgico saranno i più difficili, ma detto questo, questi interventi non sono particolarmente dolorosi, nonostante quello che ci si potrebbe aspettare. Nella stragrande maggioranza dei casi, sono necessari solo antidolorifici regolari per circa una settimana.

Dovrai tenere d'occhio la tua guarigione per assicurarti che non ci siano infezioni. In ospedale, riceverai antibiotici per via endovenosa, ma sarai anche rimandato a casa con un ciclo aggiuntivo di antibiotici. È fondamentale completare questo corso come prescritto.

Quando ti svegli dall'intervento chirurgico, il tuo viso si sentirà teso a causa del gonfiore. Non sarai in grado di aprire ampiamente la bocca e le tue mascelle saranno rigide. È anche normale che il naso si ostruisca e la gola si senta a disagio. Questo dura solo per i primi giorni dopo l'intervento chirurgico.

Il secondo o il terzo giorno dopo l'intervento chirurgico, i lividi e il gonfiore sono al peggio. Potrebbe essere necessario considerare di dormire in posizione eretta durante questo periodo. Mentre la maggior parte del gonfiore scomparirà entro due settimane, potrebbe esserci un leggero gonfiore che persisterà per diversi mesi. È improbabile che sia abbastanza grave da essere notato da chiunque tranne te e la tua famiglia.

Alcune incisioni sono lunghe solo pochi millimetri e potrebbero richiedere solo un punto, ma con un intervento chirurgico alle mascelle ci sono molte possibilità diverse ed è importante sapere cosa aspettarsi in anticipo.

È meglio mantenere un'ottima igiene orale, anche con i denti posteriori, che spesso vengono dimenticati durante la convalescenza per evitare infezioni. La chirurgia della mascella può sembrare un passaggio molto drastico, ma il recupero passa abbastanza rapidamente. Sia che tu stia considerando un intervento chirurgico alla mascella per problemi alla mascella o per la conferma del sesso, può essere molto utile discutere le tue opzioni direttamente con i professionisti del settore medico.

Potrò mangiare dopo l'intervento chirurgico?

Per i primi due giorni seguirai solo una dieta liquida, ma dopo dovresti essere in grado di gestire cibi morbidi e poi accumulare gradualmente il tuo consumo normale entro poche settimane. Oltre a qualsiasi farmaco antidolorifico, gli impacchi freddi possono anche aiutare con il disagio post-chirurgico.

Quanto dura la degenza in ospedale?

È difficile dirlo con certezza in quanto potrebbe essere diverso tra i pazienti, ma i pazienti trascorrono una o due notti in ospedale dopo l'intervento chirurgico se non ci sono complicazioni. Di solito, i raggi X della mascella determineranno se puoi andare a casa o meno. Se si dispone di una fissazione intermascellare o di una fissazione simile, potrebbe essere necessario, negli anni successivi, rimuoverla.

Quanto lavoro mi mancherà?

Questo dipenderà dal tipo di lavoro che svolgi e da come procede il tuo recupero. Raccomandiamo alla maggior parte delle persone di prendersi circa tre settimane di ferie, ma potrebbe essere necessario prolungarle. Ricorda che la chirurgia della mascella è molto invasiva e per due giorni dopo l'anestesia generale, non sarai in grado di guidare per lavorare con macchinari pesanti.

Quali sono le complicazioni più comuni?

Sebbene le complicazioni siano rare e non colpiscano la maggior parte delle persone che si sottopongono a un intervento chirurgico alla mascella, è importante sapere quali sono le possibili complicazioni in modo da poter cercare aiuto medico prima che raggiunga il punto generalmente peggiore.

Intorpidimento

Parti del viso e della bocca saranno insensibili e si sentiranno tese dopo l'intervento chirurgico. Questo intorpidimento può richiedere diverse settimane per dissiparsi completamente. Questa non è necessariamente una cosa negativa, ma dovresti essere consapevole che è una possibilità.

Emorragia

Il sanguinamento molto leggero subito dopo l'intervento è normale. L'emorragia potrebbe provenire dai tagli nella bocca o dal naso e questo può durare per circa una settimana. Ma questo sanguinamento è molto lieve e può essere meglio descritto come stillicidio. Qualsiasi vero sanguinamento è piuttosto insolito e se non riesci a fermarlo da solo, dovresti consultare un medico.

Infezione

La tua mascella verrà trattenuta nella sua nuova posizione con placche e viti e queste placche e viti possono essere infettate. Questo tende a verificarsi diversi mesi dopo l'intervento e spesso richiede la rimozione delle placche e delle viti. Le infezioni superficiali subito dopo l'intervento chirurgico sono rare, ma se si verificano, è necessario contattare immediatamente il chirurgo.

Regolazione del morso

Dopo l'intervento chirurgico, avrai apparecchi ortodontici, che vengono utilizzati, con l'aiuto di elastici, per guidare le tue mascelle nella loro nuova posizione. Se il chirurgo scopre che il morso non è del tutto corretto, viene eseguito un piccolo secondo intervento chirurgico per riposizionare le piccole placche metalliche e le viti per ottenere la posizione del morso giusta.

Glossario

Gengivale – Relativo alle gengive

Chirurgia mascellare – Chirurgia mascellare superiore

Chirurgia mandibolare – Chirurgia della mascella inferiore

Osteotomia: rimozione dell'osso

Avanzamento: portare avanti qualcosa

Interno – All'interno

Inferiore – Sotto/Inferiore

Posteriore: dietro/dietro

Malocclusioni – Anomalie del morso della mascella inferiore o superiore.

Ad esempio, un avanzamento mascellare si riferisce al portare la mascella superiore in avanti, mentre una battuta d'arresto mandibolare implica spingere la mascella inferiore all'indietro.

Assistenza gratuita
Pagare direttamente all'ospedale,
senza ricarichi.

    (e-mail, WhatsApp, FB, IG, cellulare)
    Grazie!
    Il vostro invio è stato ricevuto!
    Ops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.

    Articoli recenti